IO DICO CHE CI POSSO PROVARE, 2009

“Il bianco del muro reale in fondo non è tanto diverso dal limbo bianco in cui si muove la bambina nelle foto e nel video. E’ per me un’incognita, una pagina neutra sulla quale tutto può essere scritto. Come gli altri elementi anche queste reti-pareti sono gli incontri che facciamo, le relazioni che, volenti o nolenti, stabiliamo con il mondo; qualcosa che ci viene incontro, con cui dobbiamo imparare a convivere, aggirare o affrontare”.  A.G.

Io dico che ci posso provare, 2009, lambda print on aluminium, cm 120 x 120
Io dico che ci posso provare, 2009, lambda print between plexiglas, cm 90 x 130
Io dico che ci posso provare, 2009, lambda print on aluminium, cm 120 x 90
Io dico che ci posso provare, 2009, lambda print on aluminium, cm 50 x 60
Io dico che ci posso provare, 2009, installation view Casa dei Palazzi, Brescia
Io dico che ci posso provare, 2009, lambda print on aluminium, cm 60 x 46
Io dico che ci posso provare, 2009, lambda print on aluminium, cm 60 x 85
Io dico che ci posso provare, 2016, inkjet print and drawing on paper, cm 70 x 70
Io dico che ci posso provare, 2009, mixed media on paper, detail
Permesso, 2016, inkjet print and drawing on paper, cm 58 x 70
By Fausto Lorenzi, Il Giornale di Brescia, 30.07.2009

I commenti sono chiusi.