MI GUARDO FUORI, dal 2013

La donna non è sempre donna al contrario di ciò che proclamava J. L. Godard nel suo celebre film. Per varie ragioni o casi della vita l’essere donna si realizza in creatività diverse. Mi guardo fuori è un lavoro seriale (work in progress) nel quale ho raccolto immagini delle Madri della cultura, dell’arte, della scienza,  giocando con il tema dell’identificazione e un gesto molto semplice, quasi da bambini: ho tagliato gli occhi da una mia fotografia e li ho fatti coincidere con i loro occhi, gli occhi delle donne diversamente feconde.

Mi guardo fuori, work in progress
Mi guardo fuori: Camille Claudel, 2013, inkjet print on cotton paper, cm 33 x 33
Mi guardo fuori: Sofonisba Anguissola, 2013, inkjet print on cotton paper, cm 33 x 33
Mi guardo fuori: Lucia Schulz Moholy-Nagy, 2013, inkjet print on cotton paper, cm 33 x 33
Mi guardo fuori: Ipazia, 2013, inkjet print on cotton paper, cm 33 x 33
Mi guardo fuori: Nusch Éluard , 2017, inkjet print on cotton paper, cm 33 x 33
EffettoMan Ray#2, installation view Spazio Contemporanea, Brescia
Mi guardo fuori: Kiki de Montparnasse, 2017, inkjet print on cotton paper, cm 33 x 33
Mi guardo fuori: Coco Chanel, 2017, inkjet print on cotton paper, cm 33 x 33
Mi guardo fuori, installation view Spazio Bacs, Leffe (Be)

I commenti sono chiusi.